wolverine
thumbnail

Mak Mat, l’effetto opaco che fa tendenza

Mastella  /  Agosto 20, 2019

Per scegliere bene l’arredo bagno ci sono tanti aspetti da tenere in considerazione e uno di questi è certamente il materiale. Nel magazine ti abbiamo già raccontato le caratteristiche dell’HPL e del Deimos: questa volta scopriamo invece il Mak Mat.

Cos’è il Mak Mat?

Non è un personaggio di fantasia, né il verso di un animaletto. Questo simpatico binomio si riferisce, invece, a una miscela composta da minerali e resine acriliche. 

Il particolare film di rivestimento della superficie lo rende satinato e piacevolmente setoso al tatto. L’ideale come materiale per lavabi e vasche da bagno dal design contemporaneo.

Oltre al suo valore estetico, è anche un’ottima scelta in termini di funzionalità, scopriamo insieme per quale motivo.

Perché sceglierlo per il bagno

I vantaggi del Mak Mat sono molteplici.

  • Resistente. Si tratta di un materiale ottimo per l’ambiente bagno perché non teme gli sbalzi termici (anche di notevole entità), i raggi UV e gli urti.
  • Antibatterico. Per questa sua caratteristica risulta essere una buona scelta in una delle stanze della casa in cui l’igiene è un aspetto fondamentale.
  • Facile da pulire. Per rimuovere le macchie di calcare e sporco che normalmente si depositano sulla superficie, ti sarà sufficiente pulire con acqua saponata o comuni detergenti delicati, servendoti di spugne non abrasive.

mak-mat_lavabo-pilk_mastella-design

Come ripararlo in caso di danni

Nonostante il Mak Mat sia molto resistente, alcuni usi impropri potrebbero provocare dei difetti visibili sulla superficie.

Per rimediare a graffi, lievi scheggiature o macchie ostinate puoi intervenire sulla superficie con un’azione di levigaturaSe il film non è stato danneggiato in tutto lo spessore, ti sarà sufficiente pulire limando un po’ lo strato esterno con detergenti e spugne leggermente abrasivi.

Nel caso di graffi o scheggiature più marcate puoi carteggiare con carte abrasive finissime (di grana 800-1.000) fino a uniformare completamente la superficie.

Attenzione! Per quanto il Mak Mat si distingua in fatto di resistenza, è bene non metterlo eccessivamente alla prova. Evita sempre l’uso di prodotti chimici aggressivi come acetone, trielina, acidi, svernicianti, prodotti per la pulizia del forno e per la pulizia di metalli.

Alcune sostanze come inchiostro, cosmetici e tinture a contatto prolungato con il manufatto, potrebbero rilasciare colorante sulla superficie: per una corretta manutenzione ti consigliamo dunque di pulire sempre questo tipo di macchie, senza lasciarle depositare.

In copertina: Lavabo Goji e vasca da bagno Yole di Mastella Design

Tag:

# mak mat # mastella design # materiali