wolverine
thumbnail

Piastrelle per il bagno: qualche consiglio per scegliere quelle giuste

Inspirational  /  Aprile 4, 2017

Le piastrelle sono l’elemento che più caratterizza l’aspetto del bagno, definendone lo stile.

Per scegliere le piastrelle giuste vanno considerati diversi criteri, che comprendono sia le caratteristiche estetiche, quali colori, pattern e dimensioni, sia le specifiche tecniche, quali scivolosità, indice di assorbimento dell’acqua e resistenza a rotture e abrasioni.

Prima di determinare lo stile, conviene quindi selezionare le piastrelle in base alla qualità e alle prestazioni, verificando tutti i valori dei parametri stabiliti dalle norme per ogni proprietà, così da avere un rivestimento funzionale che mantenga le sue caratteristiche inalterate nel tempo.

Dopo questa prima selezione, ci si può dedicare alla parte più divertente, ovvero la scelta dello stile delle piastrelle: oggi abbiamo a disposizione una vasta gamma, dalle mattonelle tradizionali in ceramica smaltata al gres decorato e stampato con tecniche digitali, anche se tutta questa varietà può aumentare i dubbi e l’indecisione.

Innanzitutto le piastrelle devono accordarsi allo lo stile del bagno, integrandosi armoniosamente con gli arredi, i sanitari e gli accessori.

Per i bagni in stile retrò, sono perfette le piastrelle rettangolari in ceramica smaltata ispirate alle stazioni della metro parigina, magari abbinate a mattonelle quadrate bianche e nere disposte a scacchiera per il pavimento e a sanitari neri: un classico senza tempo che non passa mai di moda.

Chi preferisce lo stile industriale può orientarsi verso il gres porcellanato effetto cemento o metallo, da scegliere nei toni del grigio, del marrone o del verde scuro. Grazie alla tecnica di stampa digitale, la scelta delle texture è quasi infinita: dal semplice cemento lisciato fino all’incredibile effetto cassero (la tecnica utilizzata nella costruzione dei muri in cemento che prevede l’utilizzo di tavole di legno per creare venature sulla superficie), passando per le superfici effetto ferro o bronzo, ossidate come un vero bagno in stile industriale richiede.

Le piastrelle effetto cemento sono ideali anche per i bagni in stile moderno, magari abbinate a luccicanti mosaici in pasta di vetro o a mattonelle che riproducono i motivi geometrici e floreali delle tradizionali cementine, di grande tendenza: disposti a creare decori orizzontali o verticali, questi inserti contribuiscono a rompere la monotonia di un rivestimento monocromatico.

Per gli amanti del legno, un materiale adatto a tutti gli stili, via libera alle piastrelle in gres porcellanato effetto legno, disponibili nelle classiche forme a listoni e con un’ampia scelta di tipi di legno. Un’idea di sicuro effetto è quella di scegliere il mobile da bagno nella stessa essenza riprodotta nelle piastrelle.

Per chi ha gusti classici, le piastrelle effetto marmo possono sostituire senza sfigurare il più costoso e delicato marmo naturale, per un bagno elegante e funzionale allo stesso tempo: materiali dal fascino intramontabile come il marmo di Carrara, il nero Marquina, il Travertino, grazie alla tecnologia di stampa digitale sono oggi alla portata di tutti.

Infine, un cenno alle piastrelle in ceramica tridimensionale, grande novità del 2017: effetti di luce, dinamismo e matericità sono le caratteristiche di questo rivestimento, movimentato da disegni geometrici o sinuosi in rilievo.

Le piastrelle tridimensionali sono perfette per un bagno dalle stile contemporaneo, magari

abbinate a una vasca e a un lavabo free standing dalle linee scultoree e a uno specchio a LED di ultima generazione.

Tag:

# arts # bagno # ceramica # design # homedecor # homedesign # interiordesign # interiors # mastella # piastrellebagno