wolverine
thumbnail

Vasca da bagno freestanding, la protagonista dell’arredo

Interior Design  /  Giugno 25, 2019

Non chiamarla vasca da bagno, una freestanding può essere molto di più. Scenografica e scultorea, sa essere la vera protagonista della stanza, un elemento prezioso per rendere unico il tuo arredo bagno (e non solo!).

Le vasche freestanding sono pezzi d’arredo apprezzatissimi dagli interior designer perché sono l’ideale per donare carattere alla stanza, senza bisogno di aggiungere molti altri mobili e complementi.

Naturalmente non sono tutte uguali. Ne esistono di moltissime forme, dimensioni, materiali e colori: tutte caratteristiche da considerare con attenzione per una componente del bagno che occupa un vasto spazio, catturando subito l’attenzione su di sé. Come fare la scelta giusta? Ecco qualche consiglio per inserire una vasca da bagno freestanding tra i tuoi arredi.

Come progettare un bagno con vasca freestanding

Se stai progettando il tuo nuovo bagno e sogni un’ampia vasca in cui goderti attimi di relax solo e soltanto per te, le opzioni sono due. Puoi partire dalla scelta del mobile del bagno e poi individuare una vasca dello stesso stile oppure puoi decidere che sarà proprio lei a essere la vera protagonista della stanza e andare a “costruire” il resto dell’arredo bagno attorno.

Nella foto qui sopra, per esempio, la scelta dei mobili bagno è ricaduta sulla Composizione 11 della Collezione Kami di Mastella. Con il top lavabo in Gres effetto marmo venato oro Noir Desire , è opportuno abbinare una vasca altrettanto importante come Anahita. Il suo design è perfetto per riuscire a smorzare i toni della stanza con un tocco di leggerezza, mantenendone al contempo tutta l’eleganza (è stata scelta anche per arredare il bagno del Grande Fratello 16!).

vasca-da-bagno_mastella-vov-nera

Se invece ti sei innamorato di una vasca in particolare, allora puoi partire da lei, per poi progettare il resto del bagno. Scegliendo la Vov Black, una delle vasche freestading simbolo delle creazioni Mastella Design, ti basterà aggiungere pochissimi elementi minimali ton sur ton nero o con un legno chiaro in contrasto e l’effetto sarà assicurato.

Oltre i confini del bagno

La vasca freestanding può essere inserita anche al di fuori della stanza da bagno. Puoi sbizzarrirti con scelte originali, per esempio posizionandola in uno studio (a chi non piace l’idea di un bel bagno rilassante in compagnia di un buon libro?) o in camera da letto, come nel progetto qui sotto, dove si abbina a meraviglia la classica Vov White disegnata da Oriano Favaretto.

vasca-da-bagno_mastella-vov_camera-da-letto

Tag:

# anahita # vasche da bagno # vov # vov black